Forum ANSA con Delrio: ‘Faremo un esposto se il bando per la Tav non sarà pubblicato’

SCARICA QUESTO ARTICOLO IN FORMATO PDF

Il capogruppo del Pd Graziano Delrio annuncia un esposto del Pd alla Corte dei conti nel caso in cui il bando per lavori della Tav da 2 miliardi di euro non venga pubblicato.

Intervenendo ad un Forum ANSA, conferma  la validità del progetto in Val Di Susa, già “modificato e ripensato” elinminando le gallerie inutili per evitare di deturpare la Val di Susa.

Il presidente dei deputati del Pd lancia, quindi, la proposta di una una cabina di regia che gestisca, con una voce unica del partito, i problemi principali del paese. “Ci deve essere una unione, una cabina di regia – insiste il presidente dei deputati del Partito Democratico – composta dai candidati al congresso, il presidente Orfini e anche i capigruppo”. 

“L’Esperimento democratici italiani non è finito e non deve finire, di questo c’e’ bisogno – ragiona Delrio -. La Sinistra è in crisi in tutto il mondo e rifuggo l’idea che se la sinistra va male in Italia sia tutta colpa di Matteo Renzi. Forse abbiamo perso le parole giuste nei confronti della gente, ma abbiamo il problema di far sentire la nostra voce e la nostra vicinanza nei confronti di chi ha bisogno”.

Delrio boccia, quindi, il reddito di cittadinanza e sottolinea la necessità di una ridefinizione delle politiche sociali da parte della sinistra. E chiama una grande alleanza a livello europeo intorno a questi temi, così come sulla nuova idea di economia, di Europa e di società.

IL VIDEO

“La manovra non c’è nero su bianco e ora stanno pure facendo marcia indietro, anche se non sappiamo come – rileva l’ex ministro -. La legge Finanziaria serve a dare respiro all’economia e non lo stanno facendo, agendo soprattutto sulla spesa corrente. Il giudizio è negativo, il governo sta facendo le cose sbagliate e così sfida l’Europa”. 

“Gli elettori vanno sempre rispettati, questo governo – aggiunge Delrio – nasce contro la volontà degli elettori che hanno votato o per il centrodestra o per il centrosinistra”. 

Delrio vede nella riduzione del cuneo fiscale il primo passo passo serio per il rilancio di economia ed occupazione. “Lasciare più soldi nelle tasche degli imprenditori sarebbe stata la ricetta più semplice ma non è stato fatto”, ha rilevato. Questa misura, per rilanciare e stabilizzare l’occupazione, doveva essere accompagnata da iniziative per le famiglie, la natalità e i servizi. Delrio difende poi gli “80 euro” introdotti dal governo Renzi, “una misura di ridistribuzione ed equità”, dice.