Salvini contro la proposta M5S sulla cannabis: “Non passerà mai, non è nel contratto di governo”

SCARICA QUESTO ARTICOLO IN FORMATO PDF

“La proposta M5S sulla cannabis non passerà mai e non è nel Contratto di governo”. A dirlo è il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, a margine dell’inaugurazione della sede dell’Ugl a Milano, aprendo così, dopo la Tav, un nuovo fronte di scontro con gli alleati.

Nei giorni scorsi il senatore del M5s Matteo Mantero ha depositato in Senato un disegno di legge per legalizzare la coltivazione, la lavorazione e la vendita della cannabis e dei suoi derivati registrando però la frenata del ministro della Famiglia, Lorenzo Fontana. “Le proposte sulla legalizzazione dell’uso della cannabis – dichiarò Fontana – non sono concordate. Si tratta infatti di un tema che non è nel contratto del governo e che non è nell’agenda della Lega. Ci sorprende quindi che vengano presentati disegni di legge che sembrano più provocazioni che altro”.

La legalizzazione della cannabis, secondo il senatore Mantero, “consentirebbe un risparmio dei costi legati alla repressione penale del fenomeno e riassorbirebbe buona parte dei profitti criminali del mercato nero, che ricordiamolo nel mondo il business complessivo del narcotraffico secondo le stime si attesta a 560 miliardi di euro l’anno, mentre in Italia è stimato in circa 30 miliardi di euro, pari a circa il 2% del Pil nazionale, più della metà del mercato è costituito dalla marijuana e suoi derivati”.