Marco Marsilio (FdI) sarà il terzo governatore “straniero” dell’Abruzzo

SCARICA QUESTO ARTICOLO IN FORMATO PDF
Marco Marsilio (FdI) sarà il terzo governatore "straniero" dell'Abruzzo

 Afp

Marco Marsilio

L’Abruzzo sceglie il 14esimo presidente della Regione, non contando il vicario Giovanni Lolli che ha retto l’Ente fino a questo momento dopo le dimissioni di Luciano D’Alfonso eletto senatore del Pd alle politiche dello scorso marzo. Marco Marsilio, candidato governatore del centrodestra, espressione di Fratelli d’Italia, è nettamente in testa avendo ottenuto, al momento, circa il 49% dei consensi. La sua vittoria è certa, manca solo la proclamazione ufficiale che arriverà in mattinata.

“I cittadini – ha detto – ci danno appoggio in pieno”. Marsilio ambisce a diventare il terzo governatore nato fuori regione, dopo Ugo Crescenzi (primo presidente nel 1970) e Vincenzo Del Colle (governatore dall’ottobre del ’92 all’aprile del 1995). Il prossimo governatore del centrodestra – coalizione composta da Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Udc-Dc-Idea e Azione Politica – è nato a Roma nel 1968 da una famiglia di origini abruzzesi, Tocco da Casauria (Pescara). È laureato in filosofia alla Sapienza.

Dalla fine degli anni Ottanta e nei primi Novanta partecipa ai movimenti studenteschi e universitari e dal 1996 al 2000 è vicepresidente di Azione Giovani, il movimento giovanile di Alleanza Nazionale. Consigliere comunale di Roma per tre mandati dal 1997 al 2008, in Campidoglio ricopre i seguenti incarichi: capogruppo di Alleanza Nazionale membro delle Commissioni Cultura, Urbanistica e della Commissione speciale per Roma Capitale.

Nel 2008 diventa deputato nelle liste del Popolo della Libertà; il 21 dicembre 2012 è tra i fondatori di Fratelli d’Italia, del quale ricopre l’incarico di vice tesoriere nazionale e portavoce. Alle elezioni politiche del 2018 diventa senatore, come capolista di Fratelli d’Italia nella circoscrizione Lazio. Il 30 novembre scorso Ignazio La Russa ne ufficializza la candidatura a presidente della Regione Abruzzo.

Al momento le sezioni scrutinate sono 1.058 su 1633. Il Centrodestra è al 49.45%, il Centrosinistra, con Giovanni Legnini, al 31,57%, il M5s, con Sara Marcozzi, al 18,50%, Stefano Flajani, di Casapound, sotto l’1%. Il corsa c’è un esercito di 428 candidati consiglieri. Sarà proclamato eletto il candidato presidente che ha ottenuto più voti nel complesso delle 4 circoscrizioni (L’Aquila, Chieti, Pescara e Teramo), contestualmente diviene membro di diritto del Consiglio regionale. Faranno parte del Consiglio le liste che abbiano ottenuto almeno il 4% dei voti su base regionale, se corrono da sole, oppure che abbiano ottenuto almeno il 2% ma facciano parte di una coalizione che, a sua volta, abbia superato il 4%. Trentuno, compreso il presidente, i candidati che faranno parte della nuova Assemblea regionale. 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.