Sea Watch, indagati il premier Conte e i ministri Salvini, Di Maio e Toninelli

SCARICA QUESTO ARTICOLO IN FORMATO PDF

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini è stato nuovamente iscritto nel registro degli indagati per il reato di «sequestro di persona commesso in Siracusa dal 24 al 30 gennaio 2019». La vicenda è quella della nave Sea Watch.

Nell’inchiesta per sequestro di persona aperta dalla Procura di Catania sui presunti ritardi nello sbarco della Sea Watch nel capoluogo etneo oltre al ministro Salvini sono indagati anche il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, il vice premier Luigi Di Maio e il ministro Danilo Toninelli. Per tutti, apprende l’Ansa, il procuratore Carmelo Zuccaro ha presentato richiesta di
archiviazione al Tribunale dei ministri, che dovrà decidere sulla loro posizione entro i prossimi 90 giorni.

Arriva dallo stesso leader della Lega la rivelazione con la postilla che è stata contestualmente avanzata richiesta di archiviazione nei suoi riguardi.


Secondo quanto riferito, il procuratore della Repubblica Carmelo Zuccaro ha già inoltrato al Tribunale dei ministri gli atti del procedimento penale in questione. «Sono nuovamente indagato ma ribadisco che finché faccio il ministro dell’Interno, i colleghi di governo possono dire quello che vogliono, i porti italiani sono e rimangono chiusi». E conferma che «possono aprire altri 18 procedimenti penali. Non cambio idea e non cambio atteggiamento».

GUARDA IL VIDEO – Diciotti, nessun processo a Salvini. Ministro ringrazia M5S

«Ho letto dell’indagine a carico di Salvini: ho ricevuto la stessa notifica, sono indagato anche io ma non mi sento Napoleone». Così il vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio sulle notizie che riguardano l’indagine relativa alla Sea Watch.

L’inchiesta sul ministro dell’Interno, destinatario di un avviso di conclusione indagine, era stata aperta dalla Procura distrettuale di Catania dopo la trasmissione degli atti, via Siracusa, dell’inchiesta per sequestro di persona avviata dalla Procura di Roma sui tempi che hanno portato allo sbarco di 47
migranti della Sea Watch il 31 gennaio scorso nel capoluogo etneo.
Il fascicolo aperto da piazzale Clodio, contro ignoti, era stato trasmesso a Siracusa dove, ipotizzavano i magistrati della Capitale, sarebbe maturato il reato chiedendo anche ai colleghi di valutare se esistessero profili di competenza del
Tribunale dei ministri di Catania. Da Siracusa, senza alcuna valutazione, gli atti sono stati a loro volta inviati alla destinazione finale, e cioè la Procura distrettuale di Catania, competente per territorio.

GUARDA IL VIDEO – Festa tra i migranti della Sea Watch: grazie a chi ci ha aiutati

Nell’esposto su cui si basava l’inchiesta della Procura di Roma, depositato a piazzale Clodio lo scorso 1° febbraio, si chiedeva anche di valutare eventuali
coinvolgimenti dei responsabili dei dicasteri dell’Interno e dei Trasporti.
La richiesta di archiviazione su Matteo Salvini era già stata avanzata dal procuratore Carmelo Zuccaro, per lo stesso reato, nell’ambito dell’inchiesta sul ritardo nello sbarco di migranti da nave Diciotti avvenuto nell’agosto 2018. Il Tribunale dei ministri di Catania aveva invece sollecitato l’autorizzazione a procedere per il responsabile del Viminale, che è stata poi bocciata a larga maggioranza dal Senato. I giudici dovranno decidere entro 90 giorni dal deposito della richiesta di archiviazione, due le opzioni sul terreno: inviare una nuova richiesta di autorizzazione a procedere a Palazzo Madama o, in alternativa, archiviare il fascicolo, decisione questa che sarebbe definitiva perché non appellabile.

Sulla politica dell’immigrazione un’altra direttiva, la terza in meno di un mese, è intervenuta proprio ieri a mettere in chiaro che «le acque italiane si varcano solo se si ha diritto a farlo». Questo mentre la Mare Jonio, nave di Mediterranea saving humans, è partita da Marsala verso il Mediterraneo centrale alla ricerca di altri migranti da soccorrere.

© Riproduzione riservata

Argomenti: